EdizioniRockshock

Eugenio Cardi: A Birobidžan io ci sono nato

Il romanzo A Birobidžan io ci sono nato descrive – in modo leggero e quasi ironico – le avventure e le peripezie di una famiglia di ebrei askenaziti (per un periodo di 100 anni circa, dal 1862 al 1962) i cui avi, fuggiti via dalla Germania dopo il 1500, si erano stabiliti in Polonia.

Da lì furono dapprima esiliati nella Russia siberiana, sotto il regime di Alessandro II, e poi ancora a Birobidžan, appunto, nel 1928.

Protagonista del romanzo è il giovane cinico, ironico, freddo e distaccato calcolatore Isaac Kaluv, impiegato d’ordine del servizio telegrafico di Stato – ma in realtà al servizio del KGB – ed ultimo discendente in linea retta di questa complessa storia familiare.

eugenio cardi

A Birobidžan io ci sono nato è il nuovo romanzo di Eugenio Cardi (nato a Formia 54 anni fa e residente a Roma), romanzo storico – pubblicato in formato digitale (Ebook) – che si occupa di un argomento per lo più misconosciuto: la prima Israele non è nata lì dove sappiamo essere oggi, ma è nata ben 14 anni prima in una terra desolata e paludosa, infestata di zanzare, nell’angolo dell’estremo oriente russo e per la precisione nella Regione siberiana di Birobidžan, al confine con la Cina, a 8.000 km da Mosca, lì dove Stalin voleva inviare e confinare la gran parte degli ebrei russi.

Il tentativo per vari motivi storici fallì, ma ancora oggi a Birobidžan vive una folta comunità ebraica: nelle scuole si insegna sia il russo che l’Yiddish è le insegne sono riportate in entrambe le lingue.

Eugenio Cardi

A Birobidžan io ci sono nato

Ebook (epub e mobi)

Disponibile negli ebook store di tutto il mondo, tra cui AmazoniTunes, Book Republic, Rizzoli, Google Play, IBS, Feltrinelli, …

Scopri di più su Eugenio Cardi

Prezzo: Vedi su Amazon.it

1 Comment